24.05.2008 Marmilla - Barbagia - Mandrolisai - Scootertime

Vai ai contenuti

Menu principale:


= 24.05.2008  
Marmilla - Barbagia - Mandrolisai =

Dopo aver rimandato per due volte il tour, finalmente dopo aver tenuto sotto controllo per tutta la settimana il meteo, decidiamo di effettuare l'uscita. 
Purtroppo dai dodici iniziali partecipanti, causa impegni familiari e lavorativi, siamo rimasti solo in quattro temerari: Paolo su Majesty 250, Roby su X8 200, 
Umberto (Jigen) ed io, entrambi su Burgman 400.
La prima ed unica uscita con il Burgone, era stata al motoraduno di Gesturi il 26 agosto 2007, per cui non vedevo l'ora di organizzarne un'altra per riprendere la mano con la belva e terminare così il rodaggio.
Ritrovo alle 09:00 presso la fontanella, fatte le presentazioni di Roby e Jigen, che si sono uniti al gruppo, partiamo verso la prima tappa alle 09:20 con un tiepido sole che preannuncia una giornata primaverile, ideale per una bella uscita. Premetto che ho fatto il pieno a tappo al ciccino la mattina prima di partire.
Alle 09:45 arriviamo a Villacidro, dove ci fermiamo alla cascata di "Sa Spendula". Dopo alcune foto, si riparte alla volta della tappa successiva Arborea, passando attraverso Gonnosfanadiga, Guspini, Terralba. Durante questo tragitto, il cielo incomincia a diventare scuro e penso alla mail inviatami da Giò con la quale mi dice che non potendo partecipare, avrebbe fatto la danza della pioggia per far rimandare il giro.
Arriviamo ad Arborea e mentre entriamo al bar a prendere un caffè, incominciano a cadere le prime gocce. Dopo pochi minuti l'intensità aumenta, per cui decidiamo di aspettare un attimino prima di ripartire per eventualmente decidere se abortire il giro. La pioggia diminuisce d'intensità, per cui decidiamo di rischiare ugualmente e ripartiamo sotto l'acqua. Al bivio del porto industriale di Oristano la pioggia smette di cadere. Arriviamo a S. Giusta, dove un imprevisto al mezzo di Roby ci blocca per alcuni minuti. Durante la marcia improvvisamente scoppietta e si spegne. Non ne vuole sapere di rimettere in moto anche perchè il motorino non accenna a girare. Provo ad intervenire sull'interruttore rosso posto sul manubrio, lo smanetto un pò e come per miracolo il motorino di avviamento gira, il mezzo si accende e ripartiamo. Sicuramente un falso contatto sul pulsante magari dovuto ad un pò di umido preso poco prima.
Arriviamo a Fordongianus, e ci fermiamo per qualche foto alle antiche terme romane, dove troviamo una vecchietta che approffitta dell'acqua calda, sta lavando i panni. Ripartiamo alla volta di Ghilarza passando attraverso i ponti del lago Omodeo. Verso le 13:00 arriviamo a Ghilarza, per la pausa pranzo. Un pasto normale, senza grosse pretese, dal prezzo modico. Ci alziamo dal tavolo dopo lunghe chiaccherate, alle 15:00 e subito ci rimettiamo in viaggio. La visita alla casa di Gramsci non si è potuta fare in quanto chiusa. Ripassiamo sul lago Omodeo e ci dirigiamo verso Neoneli, dove Roby e Paolo si fermano per rifornire. Lungo il tragitto verso casa, attraversiamo luoghi veramente affascinanti, con boschi e belle curve che ti invitano a piegare. Alle 18:00 siamo a Laconi per una pausa gelato. Ad Isili facciamo un'altra tappa per rifornire, Jigen non vuole rischiare di rimanere a secco e rabbocca. Io, vista la media tenuta dal ciccino fino a quel momento (30,5 km/l) decido di proseguire, confidando che sulla strada verso Senorbi troveremo altri distributori. Durante l'ultima parte del percorso, sino ad arrivare a casa, ci fa compagnia un fastidioso vento a raffiche. Arriviamo ad Assemini verso le 19:15, per la verità un po stanchi, ma soddisfatti e contenti per la bellissima giornata trascorsa sui nostri mezzi. Chi è entusiasta in modo particolare e non vede l'ora di ripetere l'esperienza, è Jigen.
Non aveva mai fatto uscite in compagnia ed è stata anche un occasione per conoscere nuovi posti, per lui che non è sardo.
Ci salutiamo prevedendo un'altra sortita per fine giugno, prima che scoppi il gran caldo e poi a settembre, sperando sopratutto che i partecipanti siano più numerosi.
Il ciccino ha terminato il rodaggio ed ha completato il giro con una media di 30,5 km/l, percorrendo l'intero tragitto con un unico rifornimento. Che dire...bella soddisfazione e complimenti al ciccino...
 
   perrys@scootertime.it
Torna ai contenuti | Torna al menu